Il sistema dei certificati bianchi

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

I certificati bianchi, sono anche noti come “Titoli di Efficienza Energetica” (TEE).

Si tratta di titoli negoziabili che attestano il conseguimento di risparmi energetici nell’uso finale dell’energia attraverso interventi e progetti volti ad incrementare il livello di efficienza energetica.

La regolamentazione del sistema dei certificati bianchi è stata introdotta nel sistema legislativo italiano nel 20 luglio 2004 e prevede l’obbligo, per i distributori di energia elettrica e gas con più di 50.000 clienti finali, al raggiungimento di determinati obiettivi quantitativi di risparmio di energia primaria, espressi in Tonnellate Equivalenti di Petrolio (TEP) risparmiate.

Un certificato equivale al risparmio di una tonnellata equivalente di petrolio (TEP).

Le aziende distributrici di energia elettrica e gas possono autonomamente assolvere al proprio obbligo sia realizzando progetti di efficienza energetica che diano diritto ai certificati bianchi o in alternativa acquistando i titoli da altri soggetti sul mercato dei Titoli di Efficienza Energetica organizzato dal Gestore del Mercato Elettrico (GME).

Possono presentare progetti per il rilascio dei certificati bianchi le imprese distributrici di energia elettrica e gas con più di 50.000 clienti finali (“soggetti obbligati”), le società controllate da tali imprese, i distributori non obbligati, le società operanti nel settore dei servizi energetici, le imprese e gli enti che si dotino di un energy manager o di un sistema di gestione dell’energia in conformità alla ISO 50001.

 

Questo sito fa uso di cookie, NON di profilazione, per consentirne la navigazione. Continuando ad utilizzarlo l'utente acconsente al loro utilizzo.